Elena

Elena vive accanto a un apolide da quindici anni. Ufficialmente, il suo compagno Ramadan non esiste. Nato in Macedonia e abbandonato dai genitori, non è mai stato registrato e non ha mai avuto documenti. Non può lavorare o avere accesso a cure mediche. Non ha nemmeno diritto a sposarsi ed essere genitore: solo Elena ha potuto riconoscere i loro figli. Tutte le responsabilità della famiglia ricadono su di lei.

-> Leggi la loro storia


Nyima

Nyima è nato in Tibet e non è stato riconosciuto come cittadino né dalla Cina né dall'India. Insieme al CIR ha affrontato una lunga procedura amministrativa, e alla fine ce l'ha fatta: è stata la prima persona in Italia a ottenere un documento come apolide. Anche se si sente tibetano, oggi è grato di essere un cittadino italiano.

-> Leggi la sua storia


SANDOKAN

Sandokan è nato in Italia da genitori di origine Rom, ma a 18 anni ha perso la possibilità di diventare cittadino italiano a causa di un documento mancante. In quel periodo nella Ex Jugoslavia c'era la guerra, e la sua identità è andata perduta. Così è diventato apolide e ha trasmesso questa condizione ai suoi quattro figli. Tra di loro anche Cristina, affetta da una grave disabilità fisica e mentale, che fino a 16 anni non ha potuto accedere alle necessarie cure mediche e ancora oggi incontra molti ostacoli per vedersi riconosciuti i propri diritti.

-> Leggi la sua storia